Stalking al femminile: mia intervista su Effe 6/7/16

Home/Rassegna Stampa, Ultima Ora/Stalking al femminile: mia intervista su Effe 6/7/16

Stalking al femminile: mia intervista su Effe 6/7/16

Condivisioni

file-page2file-page1

L’abbandono è come un lutto che deve

essere superato, passo dopo passo?

“….il percorso del lutto, che ha varie fasi ed è

identico a quello che si segue in caso di

morte di una persona. Ma se questa

maturità non c’è possono scattare

meccanismi che portano all’aggressività e

anche alla violenza».

Che cosa distingue la stalker dal suo

equivalente maschile?

«La donna è meno predisposta all’azione

fisica, a passare all’atto. Tende più a

sfogarsi verbalmente, con telefonate,

messaggi e mail. Ovviamente ci sono

anche donne che si fanno trovare sotto la

casa degli ex e li pedinano o li seguono in

macchina, ma sono più rare».

Social network e smartphone: che

impatto hanno avuto su questa

dinamica?

«Dirompente. I comportamenti

persecutori oggi sono favoriti da queste

modalità di comunicazione. Per

controllare una persona non c’è più

bisogno di un’esposizione di tipo fisico.

Oggi con il cellulare, con Facebook

WhatsApp e Instagram, possiamo

schiacciare due tasti e cominciare a

perseguitare chi sta dall’altra parte».

Un uomo lascia una donna. Lei soffre,

vorrebbe sapere se lui tornerà e inizia a

chiamarlo per avere spiegazioni. Fin qui

è normale: quando diventa ossessiva?

«Quando l’altro si sente tormentato e

inizia a preoccuparsi seriamente di quali

possano essere le conseguenze delle

molestie che subisce».

Può mai essere giustificata una donna

stalker?

«C’è una categoria di donne che, se non

giustificate, a mio avviso vanno comunque

tutelate. Perché sono state rese vittime da

un narcisista perverso o da un

manipolatore relazionale. Si tratta di

persone che quando vengono

abbandonate cominciano a praticare

stalking nei confronti del loro aguzzino…… (continua)……

 

Luglio 8th, 2016|

About the Author:

mm
Laureata in Giurisprudenza nel 1993 con specializzazione in Criminologia, Psicopatologia forense e Psicologia criminale mi occupo di consulenza e formazione dopo aver lavorato per molti anni con donne e minori vittime di violenza.

Un commento

  1. cr7 7 Dicembre 2016 al 22:35 - Rispondi

    ci sono anche donne vittime di madri narcisiste perverse che diventano narcisiste anche loro ( con tanto di perizia e invecedi andarsi a curare ci si parano il sedere per giustificare i loro conportamenti)…e iniziano a fare stalking sui figli che nel frattempo se ne sono accorti e scappano a gambe levate…

Scrivi un commento