Nuovo reading Intervista a un narcisista perverso a Milano, il 15/11/19

Home/Corsi, Eventi e Seminari, Ultima Ora/Nuovo reading Intervista a un narcisista perverso a Milano, il 15/11/19

Nuovo reading Intervista a un narcisista perverso a Milano, il 15/11/19

Condivisioni

INTERVISTA A UN NARCISISTA PERVERSO: ALTRA REPLICA A MILANO

Venerdì,15 novembre 2019 dalle h.20.45

si replica a Milano presso la Biblioteca di Chiesa Rossa

Via Domenico Savio 3

col Reading insieme alle lettrici del Patto di Milano per la lettura 

https://milano.biblioteche.it/library/chiesarossa/cal-2/intervista-a-un-narcisista-perverso-con-l-autrice-cinzia-mammoliti-e-le-lettrici-del-patto-di-milano-per-la-lettura-musiche-di-mauro-cappiello/

Reading musicale tratto dal libro “Intervista a un narcisista perverso” (Runa editrice 2016). Come può un uomo far credere agli altri di amare follemente una donna e poi fare di tutto per disintegrarla emotivamente e psicologicamente?
Come può compiacersi e godere del dolore che provano le sventurate che si innamorano di lui?
Come può razionalmente e meticolosamente programmare la distruzione di un altro essere umano senza provare alcun senso di colpa, nessuna compassione e nessun rimorso?
Un narcisista perverso può e lo dimostra in questa intervista rilasciata a Cinzia Mammoliti, criminologa in prima linea da anni nello studio di questi soggetti diabolici, che decide di fare un viaggio nella mente di un sadico seriale.
Un lungo dialogo crudo, intenso, a tratti sconvolgente che mette di fronte a una verità difficile per tutti da accettare: la crudeltà esiste, è molto più diffusa di quanto non si creda, ma soprattutto, il più delle volte, proviene dalle persone che amiamo e dalle quali pensiamo che dovremmo essere amati.

Interpreti:

Alessio Leoni, il narcisista

Anna Fondacaro, l’intervistatrice

Novembre 10th, 2019|

About the Author:

mm
Laureata in Giurisprudenza nel 1993 con specializzazione in Criminologia, Psicopatologia forense e Psicologia criminale mi occupo di consulenza e formazione dopo aver lavorato per molti anni con donne e minori vittime di violenza.

Scrivi un commento