La violenza che c’é ma non si vede, a Firenze con l’Ordine degli avvocati il 3/7/2015

Home/Corsi, Eventi e Seminari/La violenza che c’é ma non si vede, a Firenze con l’Ordine degli avvocati il 3/7/2015

La violenza che c’é ma non si vede, a Firenze con l’Ordine degli avvocati il 3/7/2015

Condivisioni

La violenza che c’é ma non si vede

http://www.ordineavvocatifirenze.eu/wp-content/uploads/2015/06/Programma-03.07.15.pdf

La manipolazione emotiva destabilizza profondamente la persona che la subisce che abbraccia in modo incondizionato la visione dell’altro, perdendo contatto con la realtà e riportando, in conseguenza di ciò, danni gravissimi. Si tratta di un fenomeno di grandi dimensioni, ma ancora quasi del tutto sconosciuto agli operatori del diritto.

Chi è il manipolatore? Chi è la vittima? Quali sono le conseguenze della manipolazione emotiva? E’ verosimile pensare che anche fenomeni come quello del ‘femminicidio’, del ‘mobbing’ e della ‘sindrome da alienazione genitoriale’ possono trovare origine in situazioni di ‘manipolazione emotiva’? Com’è possibile tutelarsi dalla ‘manipolazione emotiva’ grazie ai rimedi offerti dall’ordinamento? I relatori invitati alla giornata di studio, ci aiuteranno a rispondere a queste domande.

Programma

Ore 14,30 Registrazione dei partecipanti

Ore 15,00 Saluti: Avv. Alessandra Bayon Salazar Consigliera di Parità e Consigliera del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Firenze Coordinano ed intervistano: Dott. Fernando Prodomo, Presidente della Sezione Famiglia del Tribunale di Firenze Avv. Cristina Cassigoli, Consigliera di Parità del Comitato Pari Opportunità Ordine Avvocati Firenze

11705291_10207314493925191_3055854111646593139_n

Relatori: D.ssa Cinzia Mammoliti, Avv. Eugenio Zappalà, Avv.Iacopo Maria Savi, Dr. Giancarlo Francini

11665544_10207314492725161_2563168977150441296_n

Luglio 3rd, 2015|

About the Author:

mm
Laureata in Giurisprudenza nel 1993 con specializzazione in Criminologia, Psicopatologia forense e Psicologia criminale mi occupo di consulenza e formazione dopo aver lavorato per molti anni con donne e minori vittime di violenza.

Scrivi un commento