Esce i Serial killer dell’anima, ed. Sonda, 22/2/2012

Home/Ultima Ora/Esce i Serial killer dell’anima, ed. Sonda, 22/2/2012

Esce i Serial killer dell’anima, ed. Sonda, 22/2/2012

Condivisioni

Esce i Serial killer dell’anima

 

libro

Il mio primo saggio in materia di manipolazione relazionale, vampirismo energetico e violenza psicologica

 

Col termine vampirismo energetico, creato da Mario Corte autore del libro Vampiri Energetici, ci si riferisce a quel fenomeno diffusissimo di sottrazione energetica da parte di certi soggetti nei confronti di altri. Fenomeno finalizzato all’indebita appropriazione di energie altrui attraverso azioni manipolative e aggressive che depauperano chi le subisce di qualcosa.

I mangiatori di energia sono tantissimi e sono in mezzo a noi.

Che caratteristiche hanno ? Come agiscono ? Quali conseguenze provocano in chi li affianca?

Il “vampiro” può essere qualcuno che ci passa accanto, che lavora con noi, che fa parte della nostra famiglia e che si nutre di energia personale, spesso in modo del tutto inconsapevole, in virtù di una natura che lo porta a prosciugare le migliori energie di chi lo avvicina.

Trattare con chi,sistematicamente,vampirizza la nostra gioia di vivere con la propria “negatività” a oltranza è un’esperienza abbastanza logorante, per non dire traumatica. Una specie particolare di vampiro é il serial killer dell’anima, più pericoloso di altri perchè più crudele e sadico,
Come neutralizzare questi personaggi prima che essi neutralizzino noi?

Riconoscere i sintomi dell’aggressione vampirica può aiutare a prendere le distanze e non farsi coinvolgere nella spirale viziosa nella quale trascinano perché i vampiri si nutrono dell’umiliazione e sofferenza altrui provocandola ogni volta che si presenta loro l’occasione.

Basta farsi vampirizzare!

Lavoro quotidianamente con le vittime di sottrazioni energetiche che non riescono a crearsi scudi di protezione e patiscono per le angherie che subiscono nella vita privata e sul lavoro. Il vampirismo altro non é che una maschera atta a coprire l’aggressività nella nostra società. Piuttosto che prenderci a randellate ci facciamo del male quotidianamente, nei modi più subdoli e sofisticati cercando di abruttire quotidianamente chi ci circonda. Riconoscere il fenomeno equivale un pò a risolverlo e serve a prevenire le nocive conseguenze che possono derivare dal relazionarsi protratto con questi soggetti.

 

 

 

 

Giugno 26th, 2012|

About the Author:

mm
Laureata in Giurisprudenza nel 1993 con specializzazione in Criminologia, Psicopatologia forense e Psicologia criminale mi occupo di consulenza e formazione dopo aver lavorato per molti anni con donne e minori vittime di violenza.

Scrivi un commento