I manipolatori sono tra noi: come difendersi – Articolo su Ticino 7 di Sara Rossi Guidicelli 23/11/19

Home/Criminologicamente, Rassegna Stampa, Ultima Ora/I manipolatori sono tra noi: come difendersi – Articolo su Ticino 7 di Sara Rossi Guidicelli 23/11/19

I manipolatori sono tra noi: come difendersi – Articolo su Ticino 7 di Sara Rossi Guidicelli 23/11/19

Condivisioni

 

Tutti avranno conosciuto persone negative, ansiose, piene di critiche. Sono esasperanti e succhiano energia, ma non provocano angosce, insonnia, mancanza di fiducia in sé stessi. Il manipolatore invece sì: ci distrugge nel più profondo di noi stessi, si insidia nei nostri pensieri giorno e notte, ci manda in depressione. Sono ben più rari, per fortuna, ma molto pericolosi. La grande specialista della manipolazione psicologica è Isabelle Nazare-Aga, francese, che ha scritto numerosi libri sull’argomento; poi esistono molti altri esperti che hanno affrontato questo tema, tra cui la criminologa Cinzia Mammoliti, che ha chiamato i manipolatori «killer dell’anima». Sono manuali che propongono due fondamentali insegnamenti: individuarli e difendersene.

Modus operandi
Statisticamente ognuno di noi conosce almeno un manipolatore. Sono il 2-3% della popolazione e ce sono di vari tipi: il seduttore, l’altruista, il colto, l’aggressivo, il timido. Perché manipolano? Per vivere. Non sono sicuri di sé anche se passano il tempo a farlo credere, non sono capaci di affrontare nessun tipo di sconfitta o rimessa in discussione, perciò hanno sviluppato un sistema per non essere mai nel torto, schiacciando gli altri e costruendo sé stessi. Stanno annegando e si aggrappano a chi porge loro la mano.
Come manipolano? Ci inducono a fare ciò che vogliono approfittando dei nostri valori più profondi, quelli che ci hanno insegnato fin da bambini: bisogna essere generosi, comprensivi e operosi. Il manipolatore si fa passare lui per altruista e dà a voi dell’egoista e del senza cuore; lui è competente mentre voi lavorate male e troppo poco. In psicologia questo si chiama proiezione.
Ci sono persone che hanno un sano egoismo e questo le rende di solito immuni dal cadere nella trappola del manipolatore; molte altre invece (si stima il 90%) ci cascano in pieno proprio a causa dei loro sani principi che il manipolatore ribalta a suo piacimento. Come fare se questa persona è il vostro capo, o un collega o un membro della famiglia? Come detto esistono vari manuali per imparare a non farsi manipolare. La prima regola è: fare il lutto di una conversazione normale con il manipolatore. Egli non cambierà, nonostante il nostro buon esempio, e non si comporterà mai in modo più empatico e corretto (continua)

https://m.laregione.ch/ticino7/ticino7/1404599/i-manipolatori-sono-tra-noi-come-difendersi?

Novembre 24th, 2019|

About the Author:

mm
Laureata in Giurisprudenza nel 1993 con specializzazione in Criminologia, Psicopatologia forense e Psicologia criminale mi occupo di consulenza e formazione dopo aver lavorato per molti anni con donne e minori vittime di violenza.

Scrivi un commento